domenica 22 aprile 2012

supremazia di verticale

Quell’enorme croce bianca, di braccia rotanti e
incedere pigro, si materializzò d’improvviso
inchiodandomi alla necessità di consapevolezza:
fu necessario il sangue di Cristo sul legno
per nobilitarne lavorazione e disegno. 
Non ha altre alternative l’energia -  chi destinato
a nascere isolano-  che quella di pascere fierezza chiusa
alle torri che frugano pertugi fra le nubi.
Nella supremazia di verticale
si rompe e avvita uno scenario desolato
di strappi e viluppi in ragione di brezza.

13 commenti:

  1. ricordo dei tuoi bellissimi versi in cui parlavi della costruzione imminente di queste forme eoliche per produrre l'energia , denunciandone la deturbazione che ne avrebbe subito il paesaggio. Ora che si stagliano verso il cielo creandone dei pertugi capaci di confondere il volo degli uccelli e dalla forma che richiama dolore, il poeta ne scandisce ancora una volta il battito della sua terra, forse il pianto della sua isola, lacrime di mare e di vento.

    RispondiElimina
  2. non si può lottare contro i mulini a vento - chiedere a don Chisciotte
    ma si può farne poesia
    baci

    RispondiElimina
  3. Queste torri danno e tolgono. Come giustamente osserva la tua prosa. Esse sono futuro, sfruttanto energie antiche ed eterne. Eppure, la convivenza, non si rivela affatto facile. Sono cicatrici gotiche che grattano sangue al vento.
    Un caro saluto.

    RispondiElimina
  4. ah, beh, sei tornato!
    con i mulini e il vento... finché la luce fu.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. beh, si...è stato solamente un lungo periodo di riflessione.....

      Elimina
    2. Bentornato, carissimo Stefano!
      c.

      Elimina
  5. Ciao Stefano, qui non riesco a commentare, ora proverò sloggata, visto che come profilo wordpress mi reindirizza ma non mi pubblica, purtroppo il tempo è poco e certe piattaforme mi fanno imbestialire...
    anche tu fai passi da gigante, quanti cambiamenti dalla prima volta che ti ho letto...è un bell'incedere con una sicurezza e una padronanza invidiabile dei versi, una bellissima voce la tua che seguo con molto piacere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hei! stavolta ho dovuto loggarmi,cmq togli il codice chapta sono veramente una rottura

      Elimina
    2. ciao, amica e sorella,
      la mia voce è quella del dolore delle nostre genti e dei nostri Elementi...
      il codice, appena scopro come fare, lo eliminerò...

      Elimina
  6. ..mi sembrava di aver già lasciato due righe..
    o son rinco del tutto o blogspot fa i capricci...

    comunque..

    amo ciò che conduce la verticale.. perchè inalza lo sguardo e verso l'alto c'è un'aria più pura..sempre.

    un abbraccio..
    m.

    (biondograno)

    RispondiElimina
  7. sembra un canto di dolore e denuncia... ma sei riuscito comunque a fare poesia anche con le deturpanti pale eoliche

    un caro saluto

    RispondiElimina
  8. Ma forse sono uno dei mali minori tra i tanti che straziano l'Isola, e le sue carni granitiche non bastano a difesa.
    Ben ritrovato Stefano
    è un piacere sempre leggerti, difficile commentare qui,
    un caro saluto

    RispondiElimina